Che cos’è e come funziona Google My Business?

Indice dell'articolo

La scheda Google My Business o GMB è uno strumento gratuito e utilissimo messo a disposizione da Google per le attività commerciali, i locali, i liberi professionisti e per le imprese.

Attraverso questa scheda i negozianti, i liberi professionisti e gli imprenditori possono comunicare ai clienti o potenziali clienti, tutta una serie di informazioni relative alle proprie attività e prodotti. E grazie a questa scheda si può avere ampia visibilità local per la propria attività.

Nel 2014 i servizi Google Places (Maps), le Pagine Google+ Business e Local (social), che un tempo erano distinti, sono stati portati all’interno di un unico prodotto che oggi si chiama Google My Business.

Oggi Google My Business è il punto di riferimento digitale per qualsiasi attività che vuole fare local marketing, fungendo da collante tra il mondo online e offline, tra social e search marketing. Le novità dell’ultimo anno sono:

  1. Statistiche avanzate,
  2. inserire i video,
  3. chattare direttamente con i clienti,
  4. la possibilità di inserire prodotti e/o offerte come in un piccolo ecommerce.
  5. possibilità di avere prenotazioni (per alberghi e ristoranti),
  6. possibilità di ricevere richieste di preventivo.
Google My Business

La guida sulle schede GMB

Le aziende, gli studi e i professionisti già presenti su Google Maps, possono rivendicare la proprietà della scheda facilmente, seguendo alcuni semplici passaggi. Basta cliccare sul link: “Sei il proprietario di quest’attività?” e seguire la procedura guidata e in pochi secondi sarai in possesso della tua scheda GMB.

Le aziende non ancora presenti su Google Maps, possono crearsi direttamente un account Google My Business, per inserire in un’unica volta e in un unico luogo, tutte le informazioni pertinenti ed interessanti legati alla propria attività, ai propri prodotti o ai propri servizi.

Verifica attentamente di non avere già una scheda attiva a tua insaputa. I doppioni di GMB sono veramente complicati da eliminare.

Scarica l'ebook gratis

Come funziona Google My Business

  • I dati, cioè la parte anagrafica vera e propria, modificabile in qualsiasi momento;
  • I post: un vero e proprio strumento (molto recente) per pubblicare post o offerte o novità composti da foto/video e testo, che rimangono visibili per un massimo di 7 giorni;
  • Le statistiche relative alla tua attività: che ti diranno come i clienti cercano la tua attività, quali parole chiave usano, dove i clienti visualizzano la tua attività su Google, quali sono le azioni eseguite dai tuoi clienti, quante telefonate sono state effettuate dopo la ricerca e quante foto sono state viste, quanti click sul sito web…
  • Le recensioni: vengono raccolte in un’unica interfaccia e, da lì, puoi rispondere a ciascuna. E’ fondamentale rispondere a tutti!
  • Messaggi: ovvero la chat gestibile da mobile, per attivarla e usarla devi però scaricare l’applicazione GMB.
  • Le foto e i video: sia quelle scelte dalla tua azienda, che quelle inviate dai clienti;
  • Annunci a pagamento, ovvero Google Ads Express che ti dà la possibilità di pubblicare annunci pubblicitari “local”, legati cioè alla posizione geografica dell’attività.

I vantaggi della scheda GMB

  • Per prima cosa è totalmente gratuita tranne gli annunci Google Ads, che naturalmente sono a pagamento. E’ uno strumento semplice, intuitivo e rapido per tutti coloro che portano avanti un’attività e che desiderano essere trovati dai clienti. Giorno dopo giorno sta diventando il cuore pulsante del local marketing.
  • Tutte le informazioni per venire da te o contattarti in un’unica scheda dedicata, visibile sia dalla search di Google che da Google Maps.
  • GMB è lo strumento cardine per la local SEO.
  • Da mobile è più fruibile rispetto ad un sito, anche se quest’ultimo è mobile friendly.
  • Tante sedi e un’unica gestione. Nel caso di società strutturate con più sedi/negozi/uffici sparsi sul territorio, Google My Business permette la gestione unificata attraverso un unico account.
  • Ogni anno escono novità sempre più interessanti. Google sta investendo molto sulle pagine GMB e continuerà a farlo. Quindi è uno strumento super azzeccato per il tuo business!

La scheda ti permette di essere trovato dai clienti che cercano la tua azienda per “nome brand” ma anche da quelli che non ti conoscono e fanno ricerche su Google cercando prodotti e servizi che vendi.

L’obiettivo di questa visibilità di tramuta in conversioni, tutte facilmente misurabili:

  • visite al sito web,
  • chiamate (vengono conteggiate solo quelle a cui hai risposto),
  • attivazioni di indicazioni stradali (la cosa più simile rispetto al visit store!),
  • messaggi diretti in quella che è una vera e propria chat tra azienda e clienti.

Come aumentare la visibilità su Google

Se vuoi scalare la classifica del posizionamento locale con la tua scheda GMB devi seguire le linee guida che Google ci consiglia. Per prima cosa è fondamentale mantenere sempre aggiornata e con dati corretti la sua scheda. Come per il sito web, Google premia chi investe tempo e risorse. Poi ci sono tutta una serie di accorgimenti che è bene valutare:

  • La scelta delle categorie merceologiche,
  • Quale numero di telefono inserire,
  • Cosa pubblicare nei post o offerte o prodotti,
  • Come gestire le recensioni siano esse positive o negative.

Per scoprire tutti i fattori di ranking e per scalare la classifica del posizionamento locale della tua scheda e ottenere il massimo dalla tua scheda ho preparato questo articolo su tutti i fattori di ranking della GMB.

Come visualizzare le statistiche della Google MyBusiness

Per analizzare le statistiche del profilo aziendale bisogna entrare nell’account e cliccare su statistiche nel menu a sinistra. A questo punto si può visualizzare nell’ultimo periodo (3-6 mesi) tutti questi dati:

  • In che modo i clienti cercano la tua attività,
  • Dove i clienti visualizzano la tua attività su Google,
  • Azioni dei clienti (conversioni),
  • Richieste di indicazioni stradali,
  • Specifiche su chiamate, visite in store, durata della visita e orario di punta,
  • Visualizzazioni e quantità delle foto.

Negli ultimi tempi si possono anche visualizzare le parole chiave per le quali gli utenti hanno trovato la tua scheda.

Come gestire le recensioni su Google My Business

Le recensioni sono uno degli aspetti più complicati del web. Oggi la distanza tra i consumatori e le aziende è ridotta. E le recensioni sono uno degli strumenti più importanti per il web marketing.

Infatti tutti noi prima di fare un acquisto dal web o passando attraverso il web cerchiamo delle recensioni o dei feedback di altri utenti. Senza recensioni difficilmente le persone acquistano sul web.

Se da una parte questo aspetto non può che essere positivo, dall’altra i rischi di abusi o danni di immagine sono enormi e molto pericolosi. E’ fondamentale che si risponda ad ogni recensione.

Avere molte recensioni positive e rispondere a tutte le recensioni sono due fattori di ranking per il posizionamento locale.

Sia che esse siano positive, sia che esse siano critiche (anche se non sempre costruttive), bisogna sempre rispondere, per ringraziare e per dimostrare a tutti coloro che leggeranno lo scambio, che se un errore è stato commesso dall’azienda, questa se ne è fatta carico e ha fornito una risposta adeguata alla lamentela del consumatore\utente.

Ho preparato per te una breve guida su come gestire le recensioni su Google Maps, dove troverai tanti consigli su come richiedere recensioni e su come strutture risposte a recensioni negative e positive.

In conclusione, Google My Business, per quantità di dati e informazioni che ci fornisce e per l’uso che facciamo tutti di Google Maps e del motore di ricerca Google, rappresenta uno strumento che ha un potenziale enorme per ogni attività.

Vuoi sapere come sfruttare al meglio la scheda Google My Business per promuovere la tua attività? Compila il form e sarai ricontattato. Grazie per la lettura!

Richiedi una consulenza gratuita

Se lo trovi utile, condividilo con tutti

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Ti piace leggere?

Altri articoli scelti per te