Keyword research, come scegliere le parole chiave giuste

Alla base di ogni profittevole business online bisogna realizzare una ricerca per trovare le parole chiave giuste per farti trovare dai clienti.

Partiamo in questo nostro ragionamento da una premessa: l’esperienza dell’utente viene prima di tutto, anche delle nostre esigenze!

Google è user-centrico. E anche noi dobbiamo ragionare in questo modo.

Che cos’è una Keyword o parola chiave?

La potremmo definire come un composto di uno o più termini che sono associati a un concetto o bisogno particolare e che viene espresso dagli utenti in un motore di ricerca.

E’ il bisogno dell’utente che crea la keyword, noi dobbiamo solo seguirlo in questo viaggio.

E’ opportuno ricordare che bisogna assolutamente evitare di utilizzare troppo una keyword all’interno dello stesso contenuto e che non bisogna mai creare due articoli con la stessa parola chiave.

Come si trovano le parole chiave?

Mettiamoci nei panni dell’utente, di cosa ha bisogno? Che paure ha? Poi iniziamo a fare dei test su Google e inseriamo quella che pensiamo sia una parole chiave e vediamo quali sono i suggerimenti del motore di ricerca per quel intento (Google Suggest).

Vediamo anche quanti risultati vengono fuori con un determinata ricerca, quelli saranno i nostri competitor. Studiamoli e vediamo che soluzioni hanno creato loro per presidiare quella parola.

Analizziamo le parole chiave correlate e vediamo come poter arricchire al meglio quel determinato articolo. Sempre nell’ottica di fare un servizio per l’utente.

Scriviamo a questo punto il miglior articolo possibile sul quel bisogno, non sulla keyword

Proviamo a fare KW Research

Prendiamo ad esempio la parola chiave “Zaino da trekking”.

Il titolo dell’articolo potrebbe essere: “I migliori zaini da trekking scelti per te.” A questo punto aggiungiamo alcuni sottotitoli o H2 che potrebbero essere “Zaino One Day” e poi “Zaino per trekking da 3 giorni” ecc.

Naturalmente sviluppiamo ogni sottotitolo con un paragrafo coerente ed esaustivo. Diamo tante informazioni utili senza divagare, perché il nostro cervello vuole le cose subito e bene!

Infine scriviamo il miglior contenuto possibile.

Come creare il miglior contenuto possibile

Se vogliamo fare content marketing dobbiamo seguire 4 precise regole nella stesura dell’articolo:

  • coerente sul bisogno dell’utente,
  • non copiato dal web,
  • approfondito, deve soddisfare tutti i bisogni dell’utente,
  • scritto seguendo la regola delle 5 W del giornalista.

E per le aziende locali?

A fianco della Keyword inseriamo anche la località. Ad esempio: “Pizzeria Bologna” oppure “Ristorante cinese Milano”.

In questo modo ci andremo posizionare su ricerche locali, facendoci trovare nel momento giusto.

Tools utili

Personalmente io uso e adoro Seozoom, lo strumento italiano leader per la SEO. Da anni ormai lo utilizzo per tutti i miei clienti, i vantaggi sono tanti, tra questi:

  • keyword research avanzata con stime di costi e volumi,
  • report giornalieri e settimanali del posizionamento dei vari siti web sulle parole di interesse,
  • analisi dei siti web competitor e del loro posizionamento,
  • strumenti per link building e piani editoriali.

Insomma lo strumento giusto per fare SEO e content marketing.

Se vuoi una consulenza gratuita per valutare la tua presenza online sui motori di ricerca, compila il form che trovi qui sotto. Grazie per la lettura.

Richiedi una consulenza gratuita

Se lo trovi utile, condividilo con tutti

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Ti piace leggere?

Altri articoli scelti per te