Pubblicità su Instagram nel 2024, la guida completa

Indice dell'articolo

Instagram è il social del momento, è inutile negarlo. Negli ultimi mesi Facebook ha avuto una riduzione di utenti attivi, infatti, molti di essi si stanno spostando su Instagram.

E’ un trend presente da alcuni anni, che negli ultimi mesi è semplicemente esploso. Probabilmente anche a causa di TikTok che sta rivoluzionando il mondo dei social.

Instagram è più simile a TikTok rispetto a Facebook, quindi, per certi versi, ha più possibilità di sopravvivere e contrastare l’astro nascente cinese dei social media.

Difatti, Instagram è cambiato tantissimo: fino a 4/5 anni fa il contenuto che andava per la maggiore erano le foto. Poi sono subentrati i video e le stories.

Oggi, se si vuole crescere come numero di follower e visibilità bisogna pubblicare dei video verticali di 20/30 secondi, detti reels.

Se fino a 4/5 anni fa su Instagram erano presenti per lo più gli under 30, oggi questo social è il regno dei boomers. Mentre i più giovani (gli under 25) già da qualche anno sono sbarcati su TikTok.

Quindi per professionisti e aziende è diventato fondamentale creare un account e iniziare a pubblicare su Instagram.

Pubblicare però i nostri contenuti solo gratuitamente è diventato praticamente inutile, infatti in questo articolo abbiamo trattato quanto sia fondamentale oggi fare campagne di pubblicità sui social.

Ora vediamo nel dettaglio come fare advertising su Instagram.

Scarica l'ebook gratuito su Facebook e Instagram Ads

Account personale vs account Creator vs account Business

Il primo step è trasformare l’account di Instagram in Creator o Professionale. Farlo è semplicissimo: vai su Impostazioni, poi account e poi in cambia il tipo di account.

Se sei una persona fisica cioè un influencer, un vip, un professionista o un blogger metti creator. Se sei un’azienda allora metti professionale (business).

Non barare mi raccomando, Instagram potrebbe bannarti!

Inserzione Instagram: promuovi il post vs Business Manager

Il secondo step è strategico e si basa sulla scelta su come impostare tutta la parte di creazione delle campagne di advertising.

Noi possiamo fare campagne semplificate all’interno dell’app nativa di Instagram, oppure creare e ottimizzare il business manager e fare campagne dentro questa piattaforma.

Boost Post su Instagram

Sotto ogni post, sotto ogni storia o reels puoi trovare il tasto promuovi o sponsorizza (boost post). Procedendo con l’inserzione si può scegliere l’obiettivo della campagna, il target, il budget e poi infine lanciarla.

boost post instagram

Si tratta di una procedura semplificata, che può risultare molto semplice ma allo stesso tempo riduce di molto le opzioni disponibili.

Magari potete provarla, se non porta risultati, procedete con il prossimo paragrafo. Il mio consiglio, per esperienza, è lasciare perdere questa procedura.

Se si vuole fare advertising di un certo livello e avere pieno controllo delle proprie campagne pubblicitarie su Instagram bisogna creare le inserzioni dal Business Manager di Facebook usando un PC.

Inserzioni tramite Business Manager

Prima di partire bisogna effettuare un’altra serie di passaggi che sono veramente determinanti:

  • Collegare l’account Instagram alla pagina Facebook e al suo business manager,
  • Inserire il pixel nel sito web e ottimizzare le conversioni, gli eventi ed eventualmente l’e-commerce avanzato.

A questo punto è tutto pronto per iniziare a fare campagne di advertising in modo professionale.

Usare il Business Manager per fare campagne pubblicitarie a pagamento ci fornisce tanti vantaggi, ecco solo i principali:

  • possibilità di creare e sfruttare il Pixel di Facebook,
  • possibilità di gestire l’e-commerce avanzato e la gestione del carrello,
  • possibilità di creare conversioni e campagne correlate a quelle,
  • gli obiettivi delle campagne passano da 3 a 11,
  • possibilità di creare pubblici personalizzati complessi e pubblici simili (lookalike),
  • ottimizzazione dei copy e dei titoli in base al posizionamento,
  • maggiori dati e insight sulle campagne.

Insomma c’è una differenza enorme tra i due metodi!

Il business manager è una suite realizzata dall’azienda Meta per fare campagne pubblicitarie in modo professionale su Facebook, Instagram e Messenger.

Naturalmente si integra con il sito web grazie al Pixel e a Whatsapp su determinate tipologie di campagne.

Chiaramente ti posso seguire passo dopo passo nella creazione ed ottimizzazione del tuo Business Manager.

Formati pubblicitari su Instagram

Ecco i principali formati dei contenuti che puoi sponsorizzare su Instagram:

  • Immagini/Foto/Grafiche,
  • Storie,
  • Video/reel,
  • Carosello,
  • Shopping.

Come si può vedere si ha una gran scelta di formati pubblicitari per Instagram.

Obiettivi campagne adv su Instagram

Obiettivi campagne Instagram

Quando si inizia a fare una campagna bisogna scegliere l’obiettivo. Facciamo una breve panoramica dei principali obiettivi:

  • Notorietà: siamo nella parte alta del funnel, le tue inserzioni saranno mostrate a più persone possibili che potrebbero ricordarle.
  • Traffico: le persone verranno rendirizzate a una destinazione, come il tuo sito web, un’app o un evento di Facebook.
  • Interazioni: ideale se vuoi ricevere più messaggi, ottenere più visualizzazioni del video, o più interazioni con il post, o più “Mi piace” sulla Pagina e infine risposte all’evento.
  • Contatti: ideale per raccogliere contatti profilati per la tua azienda o brand.
  • Promozione dell’app: per trovare nuove persone che installino la tua app e che continuino a usarla.
  • Vendite: siamo nella parte più bassa del funnel le tue inserizioni cercheranno persone che potrebbero acquistare il tuo prodotto o servizio.

A questo punto scegli il luogo dell’eventuale conversione, il budget che vuoi investire e le date di inizio e fine della tua campagna.

Poi scegli il target di riferimento della tua campagna per età, sesso, residenza, interessi o comportamenti.

Budget adv instagram

Chiaramente puoi lavorare su un pubblico freddo, quindi per interessi. Oppure fare vedere le tue inserzioni alle persone che hanno visitato il tuo sito web o che hanno interagito con i tuoi account o visto i tuoi video.

Ultimo passaggio è quello di scegliere i posizionamenti e in questo caso ne abbiamo quattro:

  • Feed,
  • Esplora,
  • Stories,
  • Reels

Fondamentale sarà la completa personalizzazione per ogni tipo di posizionamento. Una foto quadrata non andrà bene per le stories e i reels. Mentre un video verticale non andrà bene per il feed e la tab esplora.

Insomma, tutto deve essere perfetto per poter colpire l’attenzione delle persone che hanno visto le tue inserzioni e poter ottenere da loro l’azione che vogliamo (diventare follower, visualizzare un video o un articolo o compilare un form di contatto).

Conclusioni

Le fasi essenziali per fare pubblicità su Instagram sono queste:

  • Ricerca: analizziamo i nostri concorrenti, il mercato e troviamo i nostri punti di forza,
  • Scelta dell’obiettivo della campagna: cioè quello che vuoi che il tuo pubblico faccia quando vede il tuo post sponsorizzato.
  • Scelta del target: più sarà affine al settore/prodotto, più otterrai risultati in termini di conversione.
  • Creatività: deve emozionare le persone e farle fare l’azione che vogliamo. E’ fondamentale lasciare il segno.

Se vuoi una consulenza per iniziare a fare advertising su Instagram, contattami compilando il form qui sotto

Richiedi una consulenza gratuita

Se lo trovi utile, condividilo con tutti

Ti piace leggere?

Altri articoli scelti per te