Come fare sponsorizzate su Facebook

Indice dell'articolo

Ti sei accorto che quando pubblichi un contenuto su Facebook non lo vede più nessuno? E’ normale, l’ho definita la parabola dei social media.

Dopo il lancio ogni social garantisce gratuitamente tanta visibilità alle aziende, poi chiaramente subentra il bisogno di monetizzare e quindi riduce anno dopo anno la portata organica (visibilità gratuita) dei contenuti pubblicati dalle aziende.

Di fronte a questo cambiamento continuo abbiamo solo due possibilità:

  • chiudere la pagina di Facebook e rischiare tutto su un social emergente,
  • iniziare a fare campagne sponsorizzate su Facebook.

Facebook Advertising

Penso sia importante che tu sia a conoscenza di tutto, quindi passo al secondo tasto dolente di questo argomento: in questi ultimi anni la concorrenza sui social e in particolare nell’advertising è aumentata tantissimo.

Dato che il sistema delle Ads su Facebook si basa su delle aste, ciò ha comportato un aumento esponenziale dei costi.

Inoltre, ci tengo a precisare che:

  • le campagne una tantum sono spreco di soldi, meglio non farle;
  • sui social non si vende direttamente;
  • i sistemi di advertising si basano sulle AI, che a loro volta hanno bisogno di tantissimi dati, quindi di tanto tempo e di tanto budget.

Scarica l'ebook gratuito su Facebook e Instagram Ads

Come funzionano le sponsorizzate su Facebook?

Ogni volta che tu accedi a questo social vedrai una serie di contenuti pubblicati da amici, parenti e da aziende che segui. Poi come intermezzo troverai alcuni contenuti di aziende che non segui: i cosiddetti post sponsorizzati.

Interesse primario di Facebook è quello di mantenerti il più possibile dentro la sua piattaforma, quindi ti mostrerà solo dei contenuti pertinenti con i tuoi interessi.

Inoltre, non vedrai mai troppe volte lo stesso contenuto. Infatti, tutte le sponsorizzate create dalle aziende vengono valutate e in base a queste metriche vengono promosse o piano piano eliminate.

Discorso molto simile viene fatto anche per i contenuti organici, cioè gratuiti.

Business Manager vs post in evidenza

Il primo dilemma è dove creare le campagne sponsorizzate su Facebook, ecco le due alternative:

  • Business Manager
  • Direttamente in APP o tramite versione Desktop cliccando su “metti in evidenza il post”

Nel primo caso avremo uno strumento potente e performante per poter personalizzare e ottimizzare al meglio le nostre campagne. Stesso ragionamento trattato in questo articolo sulla Pubblicità su Instagram.

Nel secondo caso avremo un sistema semiautomatico, alla portata di tutti, ma che potrebbe diventare molto spesso una macchinetta mangiasoldi.

Chiaramente parleremo del primo caso, il secondo non lo prendiamo nemmeno in considerazione, perché costa di più ed è meno performante. Io lo sconsiglio fortemente.

Vantaggi inserzioni tramite Business Manager

Se si vuole fare seriamente marketing su Facebook, bisogna usare il Business Manager. Ecco tutti i vantaggi principali:

  • sfruttare il Pixel di Facebook che collega le nostre campagne al nostro sito, in questo modo L’AI di Facebook saprà cosa fanno le persone una volta atterrate sul tuo sito,
  • gestione dell’e-commerce avanzato e di Facebook Shop, fondamentale per chi ha un e-commerce,
  • creazione di conversioni personalizzate per monitorare le nostre campagne, così sapremo se stiamo spendendo bene il nostro budget,
  • gli obiettivi delle campagne passano da 3 a 11, quindi avremo più possibilità di scelta,
  • possibilità di creare pubblici personalizzati complessi e pubblici simili (lookalike) fondamentali per creare dei funnel, fondamentali perché le campagne one shot non funzionano,
  • ottimizzazione dei copy e dei titoli in base al posizionamento,
  • maggiori dati e insight sulle campagne.

Business Manager Facebook

Il Business Manager è lo strumento principe dell’advertising per il gruppo Meta, dentro ad esso troverai tutti questi programmi da ottimizzare:

  • Pixel,
  • Account pubblicitario,
  • Gestione inserzioni,
  • Verifica dominio,
  • Conversioni personalizzate,
  • Pubblici,
  • Gestioni eventi,
  • Gestore vendite,
  • Pagine Facebook,
  • Account Instagram,
  • Account Whatsapp,
  • Cataloghi,
  • App.

Insomma un altro mondo, molto più complesso, dove tutto deve essere ottimizzato e perfettamente funzionante per poter sfruttare al massimo la potenza delle Meta Ads.

Mi raccomando non confonderlo con la Business Suite che è lo strumento per fare social media marketing, quindi per programmare i post, le stories e analizzare tutti gli insight della tua linea editoriale.

Quindi, se si vuole aumentare il fatturato della propria azienda grazie a Facebook, è fondamentale collaborare con un consulente di social advertising.

Errori da non fare assolutamente quando si parla di pubblicità su Facebook

Ecco i principali errori che ho visto commettere in questi 12 anni di professione:

  • investire poco su Facebook: talmente poco da non riuscire a far girare il motore della sua AI;
  • restringere troppo il pubblico: tanto da non far capire all’AI chi è il nostro target;
  • usare poche creatività: le nostre pubblicità verranno man mano penalizzate e poi spente;
  • non ottimizzare i contenuti per ogni posizionamento utilizzato: in pratica stiamo buttando via soldi;
  • non fare remarketing: i pubblici freddi sono molto dispendiosi.

Investire troppo poco significa e restringere troppo il pubblico è in assoluto l’errore più frequente insieme a quello di risparmiare su test A/B e creatività.

Questi errori comportano sempre il fallimento delle campagne.

Quanto costa fare pubblicità su Facebook nel 2024

Questa domanda vale un milione di dollari. L’unica risposta è DIPENDE! In questi ultimi 10 anni il costo si è decuplicato. Il sistema si basa su aste quindi ad un aumento dei competitor si ha un aumento dei costi.

Il giusto budget dipende da: obiettivi, mercato, concorrenti, target riferimento e target campagna, strategia e funnel usati ecc. Insomma stiamo solo ipotizzando.

Per un business locale bisogna investire almeno 15/20 euro al giorno in mondo continuativo in base alla grandezza del target di riferimento.

Per un business nazionale bisogna parlare di cifre che partono dai 50/100 euro in su al giorno.

Investire meno non significa guadagnare meno, ma molto probabilmente significa guadagnare 0 euro. Per questo non è indicato partire con il piede sbagliato. O ci si crede in questo strumento e si decide di investire per almeno 6 mesi, oppure è consigliato lasciar perdere.

Conclusioni

Se vuoi una consulenza per iniziare a fare campagne sponsorizzate su Facebook, contattami compilando il form qui sotto

Richiedi una consulenza gratuita

Se lo trovi utile, condividilo con tutti

Ti piace leggere?

Altri articoli scelti per te