Il principio di Pareto: 80/20

Indice dell'articolo

Il principio di Pareto, detto 80/20, è una regola statistica che si riscontra in molti sistemi complessi di causa ed effetto.

Nella pratica afferma che il 20 di cause provoca l’80% degli effetti e l’80% di cause comporta solo il 20% restante degli effetti. Chiaramente i valori 80 e 20 sono ipotetici e approssimativi.

Chi era Vilfredo Pareto?

Vilfredo Federico Damaso Pareto è stato un economista e sociologo italiano che ha influenzato in modo importante il pensiero di tutti noi. Troppo spesso, infatti, consideriamo la filosofia come erudizioni distanti, o addirittura inutili, dal nostro mondo reale. Peccato che questo sia un grave errore.

Poche scienze hanno influito come la filosofia sulla nostra vita e su quello che oggi tutti noi siamo.

Le sue teorie nascono dalla presa di coscienza dell’eterogeneità sociale e dalla constatazione delle disuguaglianze: ogni società ha gestito la scarsità di risorse con la creazione di gerarchie. La gerarchia poi ha creato l’élite.

La teoria delle Élite

La teoria dell’elitismo, ideata da Vilfredo Pareto, criticava la teoria liberale dell’uguaglianza democratica.

Si tratta di una teoria politica secondo la quale il potere politico sarebbe sempre in mano a una élite che governa l’intera società, quindi ogni società è suddivisa tra una minoranza di governanti e una maggioranza di governati.

Il potere è in mano a poche persone che governano su tanti cittadini che hanno poco potere. Ecco da dove nasce la regola del 80 – 20 tanto famosa nel marketing.

Facciamo qualche esempio pratico:

  1. il 20% della popolazione mondiale gode dell’80% della ricchezza del globo nel mondo degli affari l’80% del fatturato deriva dal 20% dei clienti maggiori.
  2. facciamo due considerazioni fondamentali, questa regola non è vera al 100%, esistono tante accezioni, si tratta comunque di una statistica molto affidabile.

I numeri 80/20 possono subire leggere variazioni da 90/10 a 70/30 ad esempio.

Diagramma di Pareto

Hai presente un funnel di marketing? Bene, è sempre rappresentato come un imbuto, perché non è altro che il principio di Pareto applicato ad un diagramma dove le due variabili sono inversamente proporzionali. 

All’aumentare del grado dell’engagement diminuisce il numero delle persone che rimangono dentro il funnel. Tanti potenziali clienti ti conosceranno appena e solo pochi diventeranno tuoi clienti.

Nel marketing, con funnel, si intende quel percorso che ogni utente fa per raggiungere un obiettivo deciso da noi come importante per il nostro business: richiesta preventivo, acquisto, iscrizione newsletter…

80/20 nel digital marketing

Scrivo contenuti per vivere, quindi so bene che, solo una parte di essi porterà traffico nel mio sito e una parte ancora più ridotta convertirà i lettori in clienti. 

La maggior parte dei miei articoli non sarà nemmeno considerata da Google.

Stesso discorso per le campagne di advertising: poche porteranno grandi risultati economici, ma la maggior parte mi servirà per farmi conoscere e coltivare i clienti di domani.

Conclusioni

Un errore grossolano sarebbe quello di eliminare buona parte delle mie attività di marketing (80%), perché producono solo il 20% dei nostri risultati e non sono produttive.

Queste attività, infatti, sono propedeutiche a creare quei super clienti (20%) che da soli fanno il mio 80% di fatturato. 

Nel mondo della raccolta fondi, questo concetto è lampante, visto che la maggior parte dei cosiddetti Big Donors e dei lasciti testamentari, quindi le donazioni più cospicue, provengono da un passato costante di piccole donazioni.

Infine, lo sanno bene tutti gli imprenditori, un business con un unico cliente che fattura milioni di euro, non sarebbe altro che un gigante con i piedi di argilla.

Se vuoi diventare rilevante nel tuo settore, contattami per una consulenza gratuita:

Richiedi una consulenza gratuita

Se lo trovi utile, condividilo con tutti

Ti piace leggere?

Altri articoli scelti per te